Top

Arredo bagno, come ridurre i consumi in un’ottica di sostenibilità nella scelta della rubinetteria

img

Quando si sceglie l’arredo bagno c’è una componente fondamentale da tenere presente: quella relativa al consumo idrico, cioè al risparmio di acqua sia in ottica di sostenibilità ambientale, ma anche e soprattutto in un’ottica di consumi e risparmi che finiscono in bolletta. Tenere conto, quindi, della possibilità di ridurre gli sprechi di acqua, è molto importante nel momento della scelta dell’arredo bagno ed è per questo che occorre affidarsi ai consulenti esperti di Ceramiche Falc.

Nella scelta delle rubinetterie e degli accessori è quindi necessario non solo valutare qualità, design e materiali, ma anche le componenti tecniche che possono influire sul risparmio, senza diminuire la resa, né il comfort per coloro che usano l’accessorio.

Come risparmiare acqua con la rubinetteria?



Prima dell’acquisto di un rubinetto o di un soffione doccia, occorre leggere attentamente l’etichetta o rivolgersi a personale esperto. Come fare ad orientarsi? Nella scelta delle componenti dell’arredo bagno si possono scegliere rubinetti intelligenti che permettono di risparmiare acqua fino al 30% rispetto ad un rubinetto tradizionale o applicare dei riduttori o dei miscelatori che, senza modificare l’estetica dell’accessorio, intervengono a limitare il consumo idrico casalingo, senza però limitare in alcun modo le esigenze di igiene e benessere degli individui. Presso il centro arredo bagno Frosinone è disponibile una vasta gamma di rubinetti e accessori che permettono il risparmio idrico: valvole di chiusura, miscelatori meccanici e miscelatori elettronici – ad oggi la soluzione più dispendiosa – sono solo alcune delle possibilità applicate all’arredo bagno.

Nel rispetto dell’ambiente e per ridurre sensibilmente gli sprechi di acqua senza variare i flussi la tecnologia nella rubinetteria si orienta sempre di più verso tre soluzioni principali, volte a garantire un effettivo risparmio idrico ed energetico:

• Rubinetti a cui si aggiungono filtri che limitano i flussi
• Miscelatori termici regolabili che impediscono che parta la caldaia ogni volta che si apre l’acqua calda
• Rubinetti termostatici elettronici che permettono di regolare sia la temperatura che la portata dell’acqua.